Sura LXXII

Al-Jinn

(I Dèmoni)

Pre-Eg. N°40. Di 28 versetti. Il nome della sura deriva dal versetto 1.

In nome di Allah, il Compassionevole, il Misericordioso.

1 Di': « Mi è stato rivelato che un gruppo di dèmoni ascoltarono e dissero:  " Invero abbiamo ascoltato una Lettura meravigliosa , 

2 che conduce sulla retta via; abbiamo creduto in essa e non assoceremo  nessuno al nostro Signore. 

3 In verità Egli - esaltata sia la Sua Maestà - non si è preso né compagna  né figlio. 

4 Uno stolto dei nostri diceva menzogne contro Allah.  

5 Pensavamo che né gli uomini né i dèmoni potessero proferire menzogne  contro Allah.  

6 Invero c'erano degli uomini che si rifugiavano presso i dèmoni , e questo non fece che aumentare la loro follia: 

7 anch'essi pensavano, come lo pensavate voi, che Allah non avrebbe resuscitato nessuno .  

8 Invero abbiamo sfiorato il cielo, ma lo abbiamo trovato munito di temibili  guardiani e di bolidi fiammeggianti .  

9 Ci sedevamo [un tempo] in sedi appropriate, per ascoltare. Ma ora chi vuole origliare trova un bolide fiammeggiante in agguato .  

10 Noi non sappiamo se sia stata decretata una sventura per coloro che stanno sulla terra, o se il loro Signore li voglia guidare [al bene]. 

11 Tra noi ci sono dei giusti e altri che non lo sono: siamo in diverse sette. 

12 Pensavamo che mai avremmo potuto annullare [la potenza di] Allah sulla terra e che non avremmo mai potuto sfuggire [a Lui] . 

13 Quando udimmo la Guida, credemmo; e chi crede nel suo Signore non teme danno né offesa. 

14 [Ora] tra noi ci sono i musulmani e i ribelli. I musulmani sono quelli che hanno scelto la Retta via. 

15 I ribelli, invece, saranno combustibile dell'Inferno". 

16 Se si manterranno sulla Retta via, Noi li disseteremo di acqua abbondante  

17 per metterli colà alla prova .  Allah condurrà ad un castigo incessantemente più severo chi avrà trascurato il monito del suo Signore.  

18 Le moschee appartengono ad Allah:  non invocate nessuno insieme con Lui  

19 Quando il servo di Allah si levò per invocarLo, poco mancò che lo stringessero [fino a soffocarlo]! » .  

20 Di': « Non invoco altri che il mio Signore e non Gli associo alcunché». 

21 Di': « In verità non posso né nuocervi, né giovarvi». 

22 Di': « In verità nessuno potrà proteggermi da Allah e mai troverò rifugio all'infuori di Lui, 

23 se non comunicando, in Nome di Allah, i Suoi messaggi». Coloro che disobbediranno ad Allah e al Suo Messaggero, avranno il fuoco dell'Inferno e vi rimarranno in perpetuo per sempre.  

24 Quando poi vedranno quello che è stato promesso loro, allora sapranno chi avrà avuto l'alleato più debole e [chi sarà stato] numericamente esiguo! 

25 Di': « Io non so se quello che vi è stato promesso è imminente o se il mio Signore vorrà ritardarlo: 

26 [Egli è] Colui che conosce l'invisibile e non lo mostra a nessuno,  

27 se non a un messaggero di cui si compiace, che fa precedere e seguire da una guardia [angelica], 

28 per sapere se [i profeti] hanno trasmesso i messaggi del loro Signore. Gli è ben noto tutto ciò che li concerne e tiene il conto di tutte le cose».